Antonio di Pietro

Scommesse sportive: quanto guadagna lo stato?

Nel 2017 il settore delle scommesse sportive ha generato una raccolta pari a circa 10 miliardi di euro. Gli introiti statali sono stati stimati in 800 milioni.

Le scommesse sportive continuano a rappresentare una grande passione degli italiani come si evince dagli ultimi dati elaborati dai Monopoli di Stato. Il 2017 si è rivelato un anno record. La spesa degli scommettitori lo scorso anno ha raggiunto 1,33 milioni di euro, in aumento del 44,5% rispetto ai 925 milioni di euro, registrati nel 2016. La raccolta complessiva, sia delle giocate in agenzia che online, è stata pari a 9,9 miliardi di euro. Un grande piacere dello Stato che ha visto aumentare il gettito delle tasse relativo a questa attività ludica.

Non è stato ancora possibile stabilire con esattezza dati certi sull’effettivo gettito per il fisco: tuttavia, si possono ricavare delle stime. Considerando che le tasse gravano sul mercato delle scommesse sportive per un valore intorno all’8-10%, si può stimare un introito per le casse erariali valutabile in circa 800-850 milioni di euro.

Il dato affatto banale, aiuta a comprendere quanto il gioco d’azzardo, e nello specifico le scommesse sportive, sia significativo per il bilancio dello stato.

Dati scommesse in agenzia

Come abbiamo affermato in precedenza, il mercato complessivo delle scommesse sportive è valutabile in circa 10 miliardi di euro. Di questi, la somma giocata in agenzia è stata pari a circa 4,3 miliardi di euro, di cui 3,52 miliardi di vincite. Il payout medio è stato pari all’81,8%. La spesa effettiva degli scommettitori è stata pari a 781,8 milioni di euro.

Napoli è la provincia con la raccolta più alta con 677,4 milioni di euro e una spesa di 113,8 milioni. Segue Roma con 385 e 63 milioni, rispettivamente. A Milano la raccolta delle scommesse sportive in agenzia è stata pari a 218,4 milioni, mentre la spesa è stata pari a 38,3 milioni.

SNAITECH si è confermato come leader del mercato, sia in termini di raccolta che di spesa. La quota di mercato dell’operatore sulla raccolta è stata pari al 17,28%. Il colosso di gioco d’azzardo domina il mercato con una quota del 17,69% sulla spesa. Gli altri principali operatori di scommesse sportive in agenzia nel 2017 sono Eurobet, Lottomatica, SKS365 e Sisal. Qui di seguito i loro risultati:

Dati scommesse online

Il 2017 ha rappresentato un anno significativo anche per le scommesse sportive online. La stima complessiva sulla spesa dei players italiani parla di circa 550 milioni di euro, un dato in crescita quasi del 60% rispetto al 2016.

La raccolta complessiva è stata pari a 5,6 miliardi di euro, più del 50% del valore dell’intero mercato delle scommesse sportive. Le vincite tornate ai giocatori sono stati di circa 5 miliardi di euro.
Solo nel mese di dicembre la spesa ha superato gli 82 milioni di euro, la più alta in assoluto dell’anno, considerata la novità del doppio turno di campionato della Seria A giocato sotto le feste. bet365 è leader assoluto del mercato con il 31,16% della raccolta e una quota pari al 17,39% in termini di spesa. Salgono sul podio anche SKS365 (7,54%; 11,99%) e SNAITECH (6,87%; 9,52%).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scroll To Top